#Tetrischallenge: un punto di vista “dall’alto” sugli operatori dell’emergenza

#Tetrischallenge: un punto di vista “dall’alto” sugli operatori dell’emergenza

Conoscete la #tetrischallenge? Si tratta di una iniziativa social lanciata quasi per caso dal dipartimento di polizia di Zurigo che lo scorso 1° settembre ha pubblicato sulla propria pagina Facebook uno scatto realizzato con il drone con tutte le attrezzature che di solito si trovano dentro una pattuglia disposte ordinatamente sull’asfalto. La foto era accompagnata da un copy semplice: “Wenn Sie schon immer einmal wissen wollten, was sich alles in einem Patrouillenwagen der Verkehrspolizei befindet – voilà” (ovvero se avete sempre voluto sapere cosa c’è dentro una pattuglia della polizia stradale – voilà) ma che gli ha permesso di guadagnare miglia di like, condivisioni e commenti e il post è diventato virale.

Da qui è partita la catena… Le risposte dei tantissimi operatori delle emergenze (poliziotti, vigili del fuoco, sanitari, militari e molti altri) da tutto il mondo non si sono fatte attendere e in questi due mesi in tantissimi hanno replicato lo scatto, mostrando tutte le attrezzature che possiamo trovare dentro un’ambulanza o un automezzo dei vvf, senza tralasciare un po’ di ironia e divertimento.

Una iniziativa che nella sua semplicità mette una lente d’ingrandimento sulle attrezzature, i mezzi e gli strumenti utilizzati quotidianamente per intervenire nelle emergenze e permette di avvicinare gli utenti al mondo dei soccorsi e della sicurezza. Non solo, questa iniziativa ha anche benefici lato social, andando ad aumentare l’engagement degli utenti verso queste pagine istituzionali e il numero di follower degli account.

Prima ancora che fosse lanciato l’hashtag #tetrischallenge che accomuna questa iniziativa, nel novembre del 2018 il dipartimento di polizia della Nuova Zelanda aveva pubblicato uno scatto simile (e molto prima era toccato ai vigili del fuoco di Monaco).

E voi, siete pronti a partecipare alla #tetrischallenge? O avete già realizzato lo scatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *