Alla ricerca della perseveranza perduta…

Alla ricerca della perseveranza perduta…

Siamo a settembre, le scuole sono riaperte e anche io, puntualmente, torno a farmi viva e a scrivere qui sul blog. L’ultimo articolo risale ormai al 1° giugno di quest’anno ma tranquilli, se da un lato la perseveranza non è il mio forte, non mi sono dimenticata di voi o del blog ed eccomi nuovamente qui pronta a ripartire con slancio e a prendermi cura di questo spazio.
Non voglio dilungarmi con una lista di buoni propositi che poi finirò per non rispettare (già successo!), ma voglio soffermarvi con voi sulla definizione della Treccani di perseveranza:

perseveranza s. f. [dal lat. perseverantia, der. di perseverare «perseverare»]. – Costanza e fermezza nel perseguire i proprî scopi o nel tener fede ai proprî propositi, nel proseguire sulla via intrapresa o nella condotta scelta: mostrare p. nel bene, nel male, nell’errore, nelle promesse fatte; studiare, lavorare, lottare con p.

Ecco, questo è il mio obiettivo per quest’anno e per questo “nuovo” inizio sul blog e anche sugli altri spazi web dove potete trovare e leggere i miei contributi, “Piano C” su Il Giornale della Protezione Civile tra tutti.
Spero finalmente di riuscire a redigere un piano editoriale (nel link la guida su come realizzare un piano editoriale di Riccardo Esposito) concreto e non post-it volanti, con i post da fare e gli articoli da scrivere, attaccati sull’agenda che poi finisco miseramente per perdere. Google Calendar mi è vicino e io sono pronta a (ri)partire!

Vi lascio, però, con i compiti a casa e con uno spunto per una riflessione: quanta perseveranza avete nelle attività che svolgete quotidianamente? E poi, per tornare sul tema a noi caro, quanta perseveranza individuate nelle attività di comunicazione in emergenza o di prevenzione della pubblica amministrazione e della protezione civile? Abbiamo superato il concetto di spot legato ad un preciso momento temporale o evento? Ci sono campagne di comunicazione in questa direzione?

A voi, nei commenti, la parola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *