Coronavirus e fake news: proviamo a fare un po’ d’ordine

Coronavirus e fake news: proviamo a fare un po’ d’ordine

L’emergenza sanitaria legata al coronavirus ha portato all’estremo alcuni fenomeni legati alla comunicazione come l’infodemia e naturalmente la diffusione di fake news. Se da un lato il fenomeno delle fake news è sempre presente e non nasce con i social network, in questa emergenza le notizie false e le bufale si concentrano quasi esclusivamente sul coronavirus e ha preso ancora più forza grazie a Whatsapp, dove nelle chat e nei gruppi vengono condivisi messaggi e documenti di dubbia natura e dalla fonte ignota.

Nel sovraccarico informativo in cui siamo immersi, dove incertezze, ansie e paure hanno la meglio sulla razionalità dobbiamo riconquistare il nostro ruolo da protagonista, non rassegniamoci allo scetticismo, non arrendiamoci, ma mettiamo in campo la consapevolezza e il pensiero critico per tornare ad orientarci tra le notizie che ci arrivano. Ogni giorno da tv, giornali, social network siamo bombardati da informazioni che riguardano questo virus, la sua diffusione e da i tantissimi numeri e statistiche che lo riguardano, chiediamoci sempre se la notizia che stiamo leggendo è vera, se la fonte è attendibile e soprattutto se si tratta di un messaggio su una chat mettiamolo in dubbio e utilizziamo Google per verificarlo. Non deleghiamo la procedura di verifica solo alla stampa e ai giornalisti, nel nostro piccolo attiviamola anche noi, può succedere a tutti di sbagliare ma non facciamoci schiacciare dalle informazioni.

In nostro aiuto naturalmente ci sono le fonti ufficiali, tra tutte il Ministero della Salute e Dipartimento della Protezione Civile che, oltre ad informare quotidianamente sullo sviluppo dell’emergenza, smentiscono le fake news che circolano. Sul sito del Ministero infatti è stata aperta una sezione dedicata proprio alle bufale: Covid-19 – Attenti alle bufale.

A questi, per riconoscere e smascherare le fake news, si aggiungono i siti che hanno fatto del fact checking il proprio core business: Bufale.net, Butac, Facta.

Un’altra piattaforma fondamentale per la corretta informazione sul virus è il sito web del progetto di civic hacking Covid19Italia.help, anche in questo caso troviamo una sezione interamente dedicata alle fake news.

In più, su questo tema è stata realizzata un’interessante intervista tra Alberto Puliafito direttore di Slow News e Giovanni Zagni, direttore di Pagella Politica che ha appena lanciato il progetto Facta.

Un altro sito che voglio segnalarvi è coronacheck che verifica i dati ufficiali e le affermazioni quantitative sulla diffusione e l’impatto del coronavirus a cura di EUROCOM e Cornell University.

Per quanto riguarda invece i mass media vorrei segnalarvi due testate che stanno lavorando con attenzione e tanta qualità in merito a questa emergenza ovvero Il Post (soprattutto con la newsletter quotidiana che inviano) e Valigia Blu con numerosi articoli che mirano anche a fermare la disinformazione legata al virus.

Per ultimo vi lascio il decalogo realizzato da Il Giornale della Protezione Civile:

E voi quali canali utilizzate per informarvi? Consigliate altri siti per sbufalare le notizie sul coronavirus?

Foto di copertina di Wokandapix da Pixabay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *