Suggerimenti per una informazione responsabile su Covid19 e rallentare la diffusione della disinformazione

Suggerimenti per una informazione responsabile su Covid19 e rallentare la diffusione della disinformazione

In questo periodo leggiamo articoli sul Covid19 (e anche questo in parte lo è), ascoltiamo notizie al tg sul Covid19, parliamo con altre persone di Covid19, abbiamo la home di Facebook ricca di post sul Covid19, per non parlare di Twitter dove il Covid19 è in trend topic con i suoi numerosi hashtag da giorni.

Purtroppo però in questi giorni è stato evidente come non tutta l’informazione che circola sul Covid19 sia di qualità, continuano a diffondersi fake news ed è ancora tanta la disinformazione su questo argomento.

Dall’altro lato bisogna essere consapevoli del fatto che non sia facile per i giornalisti seguire tutta la filiera e coprire l’evoluzione di questa emergenza sanitaria. Si tratta di un argomento complesso, tecnico e in continua evoluzione e in alcuni casi, le scelte fatte da testate e giornalisti, invece di rassicurare hanno prodotto l’effetto contrario.

Per questo motivo First Draft (organizzazione no profit globale che supporta giornalisti, accademici e tecnici che lavorano per affrontare le sfide relative alla fiducia e alla verità nell’era digitale) ha creato un vademecum rivolto ai giornalisti per una informazione responsabile sul nuovo Coronavirus.

A questo link è possibile consultare l’articolo integrale (in lingua inglese) di First Draft con consigli utili per informare responsabilmente i propri lettori sul Coronavirus, a cui si aggiungono alcune domande che i giornalisti dovrebbero porsi per determinare se una indiscrezione è da rilanciare o meno. In calce sono poi disponibili articoli che usano un linguaggio attento senza alimentare paure o preoccupazioni nei cittadini.

Grazie al prezioso lavoro di Valigia Blu possiamo consultare una infografica in lingua italiana che raccoglie i consigli di First Draft per informare in modo responsabile sul Coronavirus, consigli che però possono essere applicati per tantissimi altri temi ed emergenze:

Cosa ne pensate? Concordate su tutti i punti o vorresti aggiungere altro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *