Dall’Università di Firenze arriva il drone contro il rischio idrogeologico

Dall’Università di Firenze arriva il drone contro il rischio idrogeologico

In occasione della Settimana nazionale della Protezione Civile, si è svolta a Firenze la giornata di studio dedicata a “La Scienza e la Protezione civile: rischio idrogeologico”. Tanti gli esperti dell’Università di Firenze (e non) che sono intervenuti e si sono alternati per illustrare il contributo della comunità scientifica nelle attività di Protezione Civile, presentando recenti scoperte e sperimentazioni nel settore del rischio idrogeologico e idraulico. L’Ateneo fiorentino, infatti, è da tempo protagonista nel settore della ricerca sui rischi idrogeologici e, proprio qui, è stato istituito il Centro per la Protezione Civile dell’Università di Firenze, riconosciuto come centro di competenza del Dipartimento della Protezione Civile.

Durante questa occasione è stato presentato un drone a forma di ufo per monitorare il rischio idrogeologico ed effettuare rilevazioni e studi geologici anche in profondità (come mappare il terreno e monitorare situazioni critiche dovute a frane o allagamenti ma anche per le eruzioni vulcaniche). Il drone, interamente realizzato dall’università fiorentina, può trasportare macchinari complessi e pesanti fino a 10kg e, grazie alla forma innovativa interamente circolare, garantisce la massima sicurezza anche in caso di malfunzionamenti, la stabilità necessaria per ogni tipo di rilevazione strumentale e riduce al massimo il rischio di cadute grazie alla presenza di più eliche.

L’Italia è un paese colpito duramente da problemi sia di rischio idrogeologico, sia sismico, vulcanico e di maremoti e questo è un problema sociale, economico e anche politico – ha spiegato Nicola Casagli, ordinario di Geologia applicata dell’Università di Firenze e presidente del Centro per la Protezione Civile dell’Ateneo -. La nostra comunità scientifica si pone fra le prime al mondo insieme al Giappone e Stati Uniti e finalmente questo ruolo è stato riconosciuto anche dal Piano nazionale della ricerca, che gestisce i finanziamenti e che mai fino ad ora aveva considerato i rischi naturali al suo interno“.

In questo video la presentazione dei due prototipi di droni ad alte prestazioni brevettati dal Dipartimento di Scienze della Terra di Firenze. Saturn 2 è un drone avanzato multiruolo per il trasporto di strumentazione scientifica fino a 14 kg. Il Saturn Mini è un drone ad alte prestazioni realizzato tramite l’utilizzo di stampante 3D e specializzato in mappature digitali del territorio e restituzione di dem a alta risoluzione.

 

Foto di copertina: Centro per la Protezione Civile dell’Università di Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *