WhatsApp down? Niente panico e multicanalità

WhatsApp down? Niente panico e multicanalità

Nuovo blackout di Whatsapp che per alcune ore ha smesso di funzionare ed è di nuovo scattato il panico per tantissimi utenti. In passato è successo a Facebook, a Twitter e a praticamente tutte le piattaforme web che utilizziamo nella nostra quotidianità. 

Questi strumenti non sono infallibili, sono soggetti a continui aggiornamenti e anche ad attacchi di hacker, per questo possono capitare bug e malfunzionamenti. Tanti i motivi che potrebbero provocare dei “guasti”, inoltre è necessario aggiungere il fatto che funzionano solo con un collegamento a internet e che essendo di proprietà di un’azienda questa potrebbe benissimo decidere, da un giorno all’altro, di chiudere le piattaforma. Ricordiamoci bene che i social network non sono di nostra proprietà e non sottostanno a regole che decidiamo noi. WhatsApp, per esempio, può bloccare la lista broadcast che utilizziamo per inviare le allerte meteo perché considera i nostri messaggi insistenti o di spam verso gli utenti.

Per questo quando definiamo gli strumenti e le strategie da attivare per la comunicazione in emergenza (ma anche in tempo di pace) non possono essere tralasciati questi fattori, perché lo scambio di informazioni e la comunicazione con i cittadini non può e non deve interrompersi.

I social network ci permettono di ampliare esponenzialmente il numero di persone a cui ci rivolgiamo e che possiamo raggiungere anche dall’altra parte del globo, ma per i motivi elencati prima, non possiamo vincolare la nostra comunicazione ad un solo canale o limitarla ai social network, non solo perché le persone possono essere assenti da Facebook o Whatsapp, ma anche perché sono strumenti imperfetti.

La parola chiave è multicanalità: una buona strategia deve essere multicanale, prevedere strumenti online e offline per permetterci di comunicare in qualsiasi situazione, di fronte ad ogni criticità. Non eliminiamo i volantini per le infografiche, gli eventi sul territorio per i video sul web, gestiamo le risorse per portare avanti un percorso parallelo tra offline e online.

Una buona strategia non può poi prescindere da tanta pratica nella gestione quotidiana ed esercitazioni che testano sia le procedure che la funzione comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *