PA e social network: strategia e formazione per creare valore

PA e social network: strategia e formazione per creare valore

I social network sono una risorsa importante per la pubblica amministrazione: permettono alla PA di uscire dagli uffici e dialogare direttamente con i cittadini su una piattaforma libera dai cavilli della burocrazia.
La scelta di comunicare su questi canali deve essere preceduta da un’attenta fase preparatoria dove la PA definisce gli obiettivi, il target, i social network da presidiare, una strategia completa in ogni sua parte oltre che individuare le persone, all’interno dell’ente o social media manager esterni, che si occuperanno dei social e la loro formazione.

Ogni social network ha le proprie metriche e peculiarità che lo distinguono, su Facebook è necessario aprire una pagina pubblica e non un profilo personale, su Twitter invece non ci sono distinzioni tra gli account ma c’è il limite di 140 caratteri (spazi inclusi) per i contenuti pubblicati. Le persone che avranno il compito di gestire i social network dovranno conoscere ogni aspetto delle piattaforme e tenersi aggiornate sui continui cambiamenti che vengono introdotti.

La PA non è obbligata ad utilizzare i social network, ma se lo fa deve uscire dalle procedure dell’ente e abbracciare quella dei social dove i commenti degli utenti possono arrivare in ogni momento, anche fuori dall’orario di ufficio, e rispettare le “regole” dei canali. Basta copia/incolla dei comunicati stampa e basta aggiornare Twitter collegandolo con Facebook producendo così tweet con informazioni incomplete. Se non c’è tempo per adattare un contenuto Facebook ai 140 caratteri di Twitter allora non utilizziamolo. Sui social non basta esserci, ma è necessario starci con consapevolezza.

twitter-pa
Tweet di account ufficiali di istituzioni toscane prodotti con Facebook

Come ha sottolineato Christian Tosolin, social media manager del Comune di Trieste, in occasione di #PASocial, per lavorare bene sui social network è necessario essere convinti del reale valore che ha la comunicazioni social e dei benefici che porta alla pubblica amministrazione.

Investire bene le risorse della PA nella comunicazione, sui social e, nello specifico, su strategia e sulle persone, è cruciale per migliorare il sentiment dei cittadini verso l’ente.

E voi che ne pensate? Come può migliorare la presenza sui social la PA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *