4 consigli per gestire un’emergenza su Twitter

4 consigli per gestire un’emergenza su Twitter

 

Twitter è lo strumento più utilizzato per far circolare le notizie, ma come possiamo utilizzarlo per gestire al meglio un’emergenza?

Ecco quattro utili e semplici consigli per chi gestisce un account ufficiale di un ente o di un’organizzazione:

  1. prima di tutto bisogna avere un profilo twitter, sembra banale, ma è fondamentale come punto di partenza, soprattutto perché prima di poter gestire un’emergenza si deve aver fatto pratica, aver preso confidenza con questo strumento, capito le dinamiche e avere una rete di contatti. Questo permette di acquistare autorevolezza ed essere riconosciuti come fonte affidabile;
  2. utilizzare gli hashtag: in caso di emergenza lanciare (rendere noto) o utilizzare l’hashtag “ufficiale” per quell’evento. Questo permette di aggregare tutti i tweets intorno a quella parola chiave;
  3. monitorare il flusso di tweet intorno all’hashtag lanciato per due motivi: rispondere alle domande degli utenti e raccogliere le segnalazioni;
  4. twittare, twittare, twittare…cioè dare aggiornamenti continui! (e soprattutto se l’emergenza riguarda l’ente di cui curiamo il profilo essere i primi a dare la notizia!)
INGV - Esempio Tweet
Tweet inviato dall’INGV in occasione della scossa in Lunigiana

Questi sono solo 4 operazioni che si dovrebbero fare. Naturalmente serve confidenza data dall’uso quotidiano di questi strumenti così da non farsi trovare impreparati in caso di emergenza. L’uso di questi strumenti deve essere pianificato, attraverso il social media plan, cioè una strategia dell’ente per l’uso di twitter, o che l’uso di questi strumenti sia inserito all’interno del piano di comunicazione. L’elemento fondamentale alla base dell’uso di twitter è la consapevolezza e una strategia ponderata, la facilità d’uso non deve essere sottovalutata, anzi ne deve essere capita la potenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *