Protezione Civile Provincia di Firenze: costruire l’esperienza per gestire l’emergenza

Protezione Civile Provincia di Firenze: costruire l’esperienza per gestire l’emergenza

La Protezione Civile della Provincia di Firenze si è sempre dimostrata sensibile verso il tema della comunicazione in emergenza realizzando un corso nel 2011 per i tecnici e i comunicatori degli enti pubblici e utilizza un content management system, sviluppato dall’Urp (Ufficio Relazioni per il Pubblico) della Provincia di Firenze, da utilizzare per aggiornare i social network ufficiali e i siti dei Comuni della Provincia che hanno aderito a questa sperimentazione. Con Paolo Masetti, responsabile della Protezione Civile della Provincia di Firenze, ho cercato di fare il punto sul loro uso dei social media.

Paolo Masetti - Responsabile Protezione Civile Provincia di Firenze
Paolo Masetti – Responsabile Protezione Civile Provincia di Firenze

Dal 3 dicembre del 2011, data di ingresso in Facebook del Servizio di Protezione Civile della Provincia di Firenze, la pagina è stata da subito utilizzata e molto seguita fino a raggiungere un numero considerevole di “like” che si aggira attualmente sui 3200 con significativi incrementi che si verificano sistematicamente in occasione di emergenze diffuse sul territorio. In questi diciotto mesi la pagina ha subito un’inevitabile trasformazione motivata da una sempre maggiore confidenza con lo strumento comunicativo e da una crescente interazione con coloro che ci seguono, passando da iniziale distributore di informazioni e avvisi relativi alle sole emergenze a strumento informativo anche su esercitazioni, eventi e manifestazioni. La pagina è talmente seguita che spesso è utilizzata dai cittadini per richiedere informazioni o per informarci su problematiche da essi riscontrate. Quindi non solo strumento “alternativo” di comunicazione in emergenza con la popolazione, ma canale bidirezionale attraverso il quale convogliare tutto quanto attiene la nostra attività. Il grande valore aggiunto di tale sforzo comunicativo è rappresentato dall’avere aperto un dialogo con i cittadini contribuendo all’aumento della consapevolezza sui rischi che li interessano ed incrementandone, di conseguenza, la resilienza. Il tutto favorito da un accordo con il responsabile dell’URP della nostra Amministrazione il quale ha delegato al nostro Servizio la gestione delle informazioni in caso di criticità, favorendo così la veicolazione di una informazione rapida e soprattutto gestita H24 ogni giorno dell’anno.

E’ possibile parlare di gestione integrata delle emergenze?

Se per gestione integrata delle emergenze si intende l’interazione e l’utilizzo di molteplici strumenti comunicativi per lo stesso evento emergenziale, allora lo si può certamente affermare. Il servizio di Protezione Civile, oltre al social network, utilizza un applicativo, sviluppato in house in collaborazione con i colleghi dell’URP, che gestisce la pubblicazione di un bollettino informativo sul sito web istituzionale dell’amministrazione e su numerosi siti web di soggetti del sistema di protezione civile provinciale (comuni, centri intercomunali, unioni di comuni, ecc.) ed inviato contestualmente ai media (radio, TV e redazioni di giornali). Tale strumento, in caso di emergenza, permette al personale di sala operativa, con pochi passaggi e con tempi di attivazione rapidissimi, di gestire contemporaneamente più strumenti comunicativi rispettando così il principio della ridondanza dell’informazione ed ampliando considerevolmente, in tal modo, il numero dei cittadini informati.

Gli aggiornamenti sono diventati quotidiani, tutti gli operatori hanno accettato l’uso di questi strumenti nella loro routine quotidiana?

Come già in precedenza detto gli strumenti comunicativi sono una realtà quotidiana per il personale della Sala Operativa di Protezione Civile della Provincia di Firenze. In generale tutti gli operatori hanno accettato, fin da subito, tali strumenti ed il loro uso, ben proceduralizzato, nell’attività lavorativa quotidiana. Questo è stato favorito anche dall’averne verificato le enormi potenzialità nel diffondere notizie velocemente e con poco dispendio di energie.

Ci sono progetti futuri per rendere l’uso di questi strumenti ancora più efficiente?

Riteniamo per il momento di essere arrivati ad un buon punto di impiego degli strumenti comunicativi in dotazione al Servizio di Protezione Civile. L’esperienza ci ha insegnato tuttavia a non sottovalutare gli aspetti comunicativi e tutto ciò che da essi deriva, nella consapevolezza di operare in una realtà in cui l’informazione è diffusa e talvolta incontrollabile, soprattutto in relazione ai rischi ed alle calamità, come la cronaca spesso insegna.
L’impegno è quindi quello di mantenere il presidio di tali strumenti, pur tra le tante difficoltà causate dalla situazione economica. Il principale progetto futuro consiste nell’incremento del bacino di utenza, ottenibile attraverso relazioni e ‘gemellaggi’ con altre reti informative (importante la collaborazione con il Circondario Empolese Valdelsa), oltre a iniziative formative che aumentino le capacità comunicative di tutti coloro che, dalla sala operativa, gestiscono questi strumenti.

2 thoughts on “Protezione Civile Provincia di Firenze: costruire l’esperienza per gestire l’emergenza

  1. emma p.

    vorrei avere qualche informazione sul cms sviluppato per gestire i social media. è un cms o un’applicazione. e come mai svilupparne uno exnovo visto che esistono prodotti open sul mercato?

    1. il cms non serve solo per gestire i social media, ma gli operatori di sala con un unico invio riescono ad aggiornare fb e twitter, inviare un comunicato stampa a tutti i responsabili di area e attivare un banner con il bollettino sul sito della provincia e su tutti i siti delle amministrazioni comunali della provincia di Firenze. Non credo che i prodotti open sul mercato abbiamo tutte queste funzioni, ma è stato creato ad hoc dagli stessi tecnici informatici della provincia per rispondere alle esigenze della sala operativa provinciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *